Alberto Oggero
Roero Bianco

Roero DOCG

16,50 €

iva inclusa

20,00 €

iva inclusa

prodotto esaurito

Luogo

Santo Stefano Roero (CN)

Tipologia

Bianco

Vitigni

Arneis

Alcol

13,5

Formato

750 ml

Vigna

Viti di 20 anni, controspalliera, potatura guyot

Altitudine

280 mt s.l.m.

Esposizione

Est, Sud-Est

Terreno

Sabbioso

Vinificazione

50% grappolo intero in pressa e fermentazione del succo, 50% macerazione di 3 giorni

Affinamento

50% acciaio 50% botte grande in rovere europeo non tostata, 6 mesi di bottiglia

Regione

Piemonte

Nazione

Italia

Abbinamento territoriale/fantasioso

Frittata di iuvertin

Calice Consigliato

Temperatura di servizio

Finestra bevibilità

Bevi ora

Potenziale evolutivo

3-5 anni

Riconoscimenti

 

Scheda Produttore

Per il giovane Alberto Oggero la priorità, fin da quando ha deciso di fare nella vita il viticoltore, è sempre stata quella di produrre vino nel modo più territoriale possibile recuperando vecchi vigneti e vinificando nella cantina che apparteneva a suo nonno Sandro. Cresciuto nel cortile che oggi è diventata la sua casa ha visto fare per tanti anni dalla sua famiglia quello che è diventata la sua passione ed il suo lavoro e portandolo avanti con una precisa filosofia, “legare” il territorio alla bevibilità dei suoi vini! Nei 5 ettari di vigneti, che vanno dai 25 agli 80 anni di età, gli unici vitigni coltivati sono gli autoctoni Arneis e Nebbiolo, i terreni della zona del Roero sono di origine alluvionale con forte presenza di sabbie marine, sabbie, e quindi fossili, che contribuiscono ad apportare ai vini forte mineralità e sapidità. La famiglia lo aiuta a portare avanti il suo progetto che definisce difficile ma fortemente stimolante e gratificante.

Scheda Produttore

Per il giovane Alberto Oggero la priorità, fin da quando ha deciso di fare nella vita il viticoltore, è sempre stata quella di produrre vino nel modo più territoriale possibile recuperando vecchi vigneti e vinificando nella cantina che apparteneva a suo nonno Sandro. Cresciuto nel cortile che oggi è diventata la sua casa ha visto fare per tanti anni dalla sua famiglia quello che è diventata la sua passione ed il suo lavoro e portandolo avanti con una precisa filosofia, “legare” il territorio alla bevibilità dei suoi vini! Nei 5 ettari di vigneti, che vanno dai 25 agli 80 anni di età, gli unici vitigni coltivati sono gli autoctoni Arneis e Nebbiolo, i terreni della zona del Roero sono di origine alluvionale con forte presenza di sabbie marine, sabbie, e quindi fossili, che contribuiscono ad apportare ai vini forte mineralità e sapidità. La famiglia lo aiuta a portare avanti il suo progetto che definisce difficile ma fortemente stimolante e gratificante.

Loading...